World Music: post vendetta

Per un anno e un po’ mi hanno preso in giro raccontandomi questa barzelletta. Oggi l’ho trovata su internet e mi ha fatto venire in mente tutto ciò.

Capitolo uno: gli spagnoli che cantano in inglese. Un solo paragrafo: I love to love, cantata e flamencata da The Seventies. Basta e avanza (ma per chi non ne avesse abbastanza: Can’t take my eyes off of you, stesse interpreti).

Capitolo due: il mondo canta e parla in italiano. Vi sarà sicuramente capitato di sentire una canzone cantata in italiano da uno straniero. Negli anni sessanta c’era un certo Antoine, un malgascio, che cantava con accento francese tu sei buonno e ti tirano le pietrre. In realtà l’accento non è proprio francese, ma camuffato in modo tale che non si capisca di dov’è. O magari è semplicemente malgascio. E nello stesso periodo, gli italiani – esterofili come sempre – ascoltavano Rocky Roberts che cantava stasera mi butto con un lievissimo accento americano, rimanendone affascinati tanto da tramandare la canzone durante gli anni, fino a noi. Perfino Mary Hopkin, che provava a cantare nell’italico idioma riuscendo a dire al massimo lontano dali ochi, scalava comunque le classifiche (forse perché, mi sembra di aver sentito, era prodotta dai Beatles).

Di questi spericolati pionieri dell’italiano in salsa esotica ce ne sono state centinaia, che dico!, decine. Ma anche oggi i loro eredi non mancano. Pochi cantano, molti si limitano per fortuna ad esprimere i proprî pensieri.

Esimio rappresentante dello slavo che parla italiano è il calciatore Ibrahimovic, svedese di (chiara) origine bosniaca: manca solo che dica dai, faciamo circus! in questa intervista.
L’esempio per il tedesco ce lo dà il caro Eletto, protagonista di molteplici post, Joseph “The Pope” Ratzinger. Sembra quasi uscito da sturmtruppen, nella la sua prima utienza ceneraaale del nuooofo anno
Gli anglofoni s’impegnano, s’impegnano, ma non riescono proprio a pronunciare questa dannata erre. Ma fosse solo quello il problema, sarebbe possibile una comprensione reciproca. Ma chi ha mai capito cosa volesse esternare Satchmo con la canzone Mi va di cantare, di cui solo il titolo si capisce, e solo perché lo si è visto scritto? E no, non erano le erre. Consapevoli di questa grave lacuna, i Backstreet Boys incidono il loro grande successo Non puoi lasciarmi così in italiano – con l’ovvio aiuto di un calabrese, che insegna loro a pronunciare un zegno. Un grande passo in avanti, quindi: solo che, ascoltato il testo della canzone, uno s’interroga: sentivo veramente l’esigenza di comprenderla?

Insomma, gridiamo e gridiamo: non siamo i peggiori! Tutti storpiano la nostra amata, musicale lingua perché fa figo cantare in italiano, è secsi. Tutti si sentono in diritto, e mettono in giro degli indegni files audio che si diffondono alla velocità della luce. Tutti tornano nei loro paesi d’origine dicendo: “so parlare il italiano, usci a cena romantica violini mandolino pizza con me”, e rimorchiano come mai nella loro vita. Non è giusto!

Vi siete convinti? Il vostro orgoglio italiano è ricresciuto, e pensate di nuovo che non lo parliamo poi tanto male, questo inglese?

Sentite questo.
Grazie, Franco.

Anuncios

One Comment to “World Music: post vendetta”

  1. Aaah …
    Per il Papa avresti dovuto usare Crozza!!
    Kari frateli e sorele …

    AHAHAH

    E viva l’italiano! :D

A %d blogueros les gusta esto: