Archive for ‘Autorità’

3 agosto 2008

Gesuiti sull’orlo della scomunica

Sant’Ignazio da Loyola:

ora pro nobis

Io la scommessa ce la metto, caro Padre Nicolás, Papa Nero, Anticristo che non sei altro. Presto il Tedesco vorrà la tua testa su un piatto d’argento proveniente dalle miniere del rio Guaraná.

Etiquetas: ,
22 junio 2008

Di dio, dello stato, dei padroni

Sì è vero, è un prete: ma è pur sempre di Lula.

Monsignor Sanguinetti è diventato il mio eroe temporaneo. La maggior parte dell’utenza non capirà, ma nell’Isola quasi tutti i preti sono persone normali: non hanno niente di sconveniente. A parte essere preti, ovviamente. Ecco perché Bustianu Sanguinetti si può permettere di fare della sottile ironia nel bel mezzo della celebrazione eucaristica, cioè il punto clù della messa. Non so se mi spiego.

Fila di fedeli per la santa, che dico, santissima comunione.
Arriva il turno di Berlusconi, e lui come sempre deve fare il figo.
“Eccellenza – perché non cambiate le regole per noi separati e ci permettete di fare la comunione?”.
Mi immagino sua eccellenza Bustianu che per una frazione di secondo torna lulese e ha l’istinto di finire a colpi di Sacro Calice il Presidente. E immediatamente, nella sua piena funzione sacramentale, dice:
“Lei che ha potere si rivolga a chi è più in alto di me”.

Questa frase è destinata a entrare nella storia della Chiesa, alla stregua di altre frasi dall’alto contenuto ironico come “Chi è senza peccato scagli la prima pietra” pronunciato in Israele, “Alzati e cammina” detto a un morto, e “Signore, dov’eri?” pronunciata ad Auschwitz.

13 junio 2008

Conversioni a U

allam.jpg Quando avrò tempo me lo leggerò tutto, da cima a fondo, pubblicità comprese. Ma per ora il sito del nuovo adepto Magdi Cristiano Allam mi fa la stessa sensazione che il sito del Mago Otelma, un misto fra violenta repulsione e violenta curiosità. Mi ci è voluto un po’ to realize che un giornalista così acuto e utile (almeno da islamico) come Magdi Allam ha preso davvero tale sbandata: passare da mussulmano laico a cristiano invasato. Deo non naro, vabbe’ le conversioni, ma questa mi sembra decisamente un’esagerazione.

Blogged with the Flock Browser

Etiquetas:
13 noviembre 2007

Annunciazione, annunciazione.

Prima domanda, perché la sezione “Primo Piano” de La Repubblica si trova in un recondito angolo della prima pagina (che tra l’altro segue la Regola del Sacro Ordine della Mia Scrivania)?

Seconda domanda, considerando il Nuovo Testamento come l’opera aperta per eccellenza, e visti i drastici effetti provocati dalle sue infinite interpretazioni, perché mai dovrebbe rallegrarsi Maria? Ha solo fatto casini. E questo per il vizio di molti, non saper dire di no.

Terza domanda, perché eliminare mammona? Ma se lo sanno tutti chi è. Alla fine dei tempi arriveranno a ridurre la Bibbia ad un “amen”. Anzi, lo cambieranno per un “grazie”.

Condiviendo la concezione del lettore nella scuola di Costanza, saluto.

7 agosto 2007

Piccolo contributo al dialogo

Il blog intitolato Papa Ratzinger Blog, di cui ho dato il link in precedenza parlando dell’articolo di Scalfari, è gestito con il sistema di moderazione dei commenti. Posto che ognuno è libero di fare come meglio crede, non capisco bene il criterio di questa moderazione: dai commenti che passano il filtro della blogger non scaturisce una discussione sul tema del post, ma una lista di elogi per il Papa, per la blogger stessa, e di sterili – a parer mio, ovviamente – critiche a Scalfari e al suo articolo.

Comunque.

Le strette maglie della censura di Raffaella (è lei che gestisce il blog) hanno interdetto la pubblicazione di un commento di Wizard che credo sia giusto invece diffondere. Eccolo qua:

“Ciao, premettendo che sono pienamente d’accordo con l’articolo di Scalfari, vorrei fare delle piccole notazioni.
La tua facile ironia sull’errore di Scalfari è quanto meno fuori luogo. Se è vero (come hai detto) che hai copiato l’articolo dal quotidiano e non da internet, allora ti sarai certamente accorta che “Ahi” è diventato “Oh” solo per mancanza di spazio (tant’è vero che nel corpo del”articolo la citazione è corretta). È sbagliato ironizzare su ciò.

In secondo luogo non puoi dire che Scalfari doveva quanto meno citare tutta la terzina dantesca perchè anche solo quel verso è chiarissimo. Scalfari, come Dante prima di lui, rimpiangeva il fatto che Costanzino avesse donato alla Chiesa il potere temporale. Quindi è giusta la sua citazione.
Vorrei ora spiegare quello che Fabio non ha spiegato bene riguardo alla pseudo Donazione. Lui ha usato questo termine perchè il filologo Lorenzo Valla ha chiaramente dimostrato come quella Donazione sia un falso. Il potere temporale della Chiesa si basa su un falso. Ma scommetto che lo sai benissimo, solo che ti ostini ad ignorarlo.
http://it.wikipedia.org/wiki/Donazione_di_Costantino

Altra cosa: mi chiedo come facciate a non schifarvi della ricchezza della Chiesa. Voi dite che non conta nulla, ma non è così! La Chiesa fa morire in Africa la gente ma salva i senzatetto e i drogati in Italia proprio perchè poi voi possiate usare questa difesa. Lo fa per un fatto puramente politico, non umano.

Mi scuso per gli errori di battitura, siccome io non sono Scalfari e sono anche le 3 passate … sarebbe ora che io vada a dormire”

Spero che gli utenti del blog di Raffaella seguano il link dal commento che ho lasciato e che è stato pubblicato, per approdare qui e nel blog di Wizard. Magari qualcuno aveva voglia di sentire la sua opinione e scambiare quattro chiacchiere costruttive con lui.

 

6 agosto 2007

La linea d’ombra

Un articolo di Scalfari sulla presenza della Chiesa Cattolica e delle sue gerarchie nella politica italiana ha provocato una serie di risposte, alcune favorevoli, altre contrarie.

 

Comme d’abitude, in me ha provocato delle domande, partendo dal presupposto espresso da Scalfari nell’ultima frase del suo articolo, e cioè che gli italiani non sono cristiani, sono cattolici anche se irreligiosi.

 

Dopo aver scritto una pagina e mezzo di invettive contro San Paolo, ho deciso per l’autocensura, e per la pubblicazione di una semplice sintesi.

Dove finisce l’essere cattolico di un individuo? Può darsi la completa separazione delle sfere sociale e religiosa? Come può un cattolico dissociarsi dalle direttive di un Papa infallibile in materia di fede, se non conosce il limite di vita di fede e vita in una società plurale?

La risposta che mi dò è che l’essere cattolici in italia fa risparmiare tanti problemi al fegato. Vota come ti dicono, e dì un’avemaria. Amen.

26 julio 2007

Fallace Argomentazione Contro il Libero Arbitrio

Ne sono cosciente, il nuovo look è un po’ una schifezza. Ma non sono abile, non sono veloce, non sono efficace: in breve, non sono 2.0.
Ma col tempo migliorerò, prometto. Decimale a decimale.
Intanto, Amici, qui le cose si mettono male. L’organizzazione delle vacanze (vacanze? perché, ho mai fatto qualcosa da cui riposarmi?) non è il mio forte. All’improvviso, spuntano come Teletubbies mille cose da fare. E c’è il Trenino ecologico. E c’è la visita archeologica – a tutta l’Isola, comprendente ogni traccia delle molteplici dominazioni nonché delle epoche di cultura autoctona -. E c’è la visita ai luoghi antropici, comunemente detti città. E c’è la visita parenti (quella c’è sempre e comunque). E c’è la settimana al mare, ecchescherzi, stai in un’Isola e non mi porti al mare?. E ci sono le iniziative culturali: in inverno, manco il campanello suoniamo; d’estate, tutti quanti voglion fare jazz, perché resister non si può al ritmo del jazz. E allora via concerti, in ogni angolo del territorio. Santi Numi.

E tu, cosa guardi? Cos’è che vuoi? Potevi pure tenertelo il tuo libero arbitrio. A quest’ora avrei già il viaggio organizzato, senza che la stanza mi si riempia del fumo che mi sale dal cervello (ego gemisi asfiktiká me kapnó to domatio os apano).
Apro la finestra.

Etiquetas:
12 julio 2007

Crick e Crocs

Come ho fatto a non pensarci prima?

Sono troppo diffuse per essere un elemento antropico. Si tratta invece – e chiaramente – di una decisione Superiore. Ne è la prova la foto di Bush in crocs, nere come il petrolio.
Ho capito tutto.
Perché lui, ‘Abd Allah al-Sa’ud, probabilmente ha provato ad andare in giro con le scarpe coi lacci, ma ha un elastico che lo tira indietro verso la tradizione, ed è fortissimo: mocassini, e solo mocassini usava il Profeta Muhammad,
Sala ‘Alayhu Wa Salam. D’altronde ai suoi tempi non esistevano i lacci.
E allora la ruota del Destino, che è poi mossa dalla stessa mano Divina, ha voluto che la mente umana concepisse un paio di mocassini moderni, universali, comodi nelle bollenti sabbie del deserto così come nei buî corridoi della morte delle carceri Texane.
E quando nacque la scarpa, dalla scarpa nacque
la scarpa da barca in pelle, dalla scarpa da barca in pelle il mocassino, dal mocassino ebbe origine lo zoccolo da infermiera, dallo zoccolo da infermiera le crocs.
La tradizione è rispettata, la bida’ o innovazione è respinta. In realtà il progetto prevedeva la sola diffusione di quelle nero petrolio, ma la moda è biricchina e propende per quelle fucsia. Son cose che s’aggiustano.
Il mocassino di plastica di G.W. Bush è l’esatto equivalente del mocassino in pelle di cammello di Muhammad, SAWS. Il nobile e antico casato dei Sa’ud, amici del Profeta, detta legge economica e stilistica sotto la direzione dell’Unico.Wa Allah-u A’lam.