Archive for ‘Libri’

14 julio 2008

E vabbe’ le biblioteche

…ma oggi ho comprato dei libri.
Imágen de In viaggio con ErodotoImágen de Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici)Imágen de Una stanza tutta per séImágen de Il pianista

Anuncios
24 abril 2008

Axolotl, réprise

L’animaletto fotograficamente citato poco fa non è, al contrario di quanto molti sarebbero pronti a giurare, una scimmietta di mare. È un Axolotl. Non ha niente a che vedere con il Qwerty. È un nome messicano.

Più che un animaletto l’Axolotl è un problema di identità, ed è tutta colpa di Cortázar. Julio Cortázar, oltre a essere uno dei più brutti esseri umani mai esistiti, era uno scrittore argentino, nato in Belgio e morto in Francia (però giuro che era argentino). Com’è noto, per essere un vero argentino bisogna essere affetti da schizofrenia bipolare: ne fu affetto Borges, ne fu affetto Perón, e Cortázar non poteva essere da meno: cosí un giorno decise di sdoppiare la sua identità e trasferire il suo più profondo essere a un ignaro axolotl che fluttuava in una vasca d’acquario del Jardin des Plantes a Parigi.

La teoria dei polisistemi ci insegna che fu un grave, gravissimo errore. Non si può travasare la propria psiche in un animaletto di origine messicana così come si travaserebbe una bottiglia di vino al bidoncino di plastica da cinque litri per andare in campeggio. No: il polisistema vasca è inscritto e correlazionato con il polisistema acquario, che a sua volta è in relazione interdipendente con il polisistema Jardin des Plantes – passibile, questo, di essere considerato come un rizoma nel complesso polisistema Parigi. Tutto questo Cortázar non l’aveva considerato.

È per questa ragione che quando cambiarono l’acqua di quella vasca dell’acquario del Jardin des Plantes l’axolotl Cortázar rimase intrappolato nel filtro, e quando un tecnico andò a pulire il filtro e trovò il corpo apparentemente senza vita di un axolotl, pensò che fosse una scimmietta di mare; il panico s’impossessò di lui, ed egli, incurante del fatto che potesse essere l’avatar di un geniale scrittore argentino, lo buttò nel cestino dell’immondizia. Era il 12 febbraio del 1984. La stampa, sotto la possente pressione del sindacato dei tecnici d’aquario, scrisse che si trattò di leucemia, ma il lettore implicito sa che non è vero.

Etiquetas:
23 abril 2008

Mini recensione

A quanto pare, recuperare il tempo perduto comporta leggere dei libri orrendi che la élite letteraria considera pilastri della produzione moderna.

Suddetti libri mi fanno cagare. Fuor di letterarietà.

Etiquetas:
3 enero 2008

Metámonos en líos

Le dije a un Profesor – o mejor, a El Profesor – que iba a hacer el comentario crítico de una poesía de Kavafis. Estoy intentando trabajar con la versión griega, dos traducciones españolas y una italiana. (Acabo de ver que Lluís Llach ha hecho una canción de esa poesía).

Por ahora no le encuentro la clave, y no quiero escribir obviedades. Eso significa que terminaré por escribir obviedades.

Etiquetas:
25 diciembre 2007

Natale…

…ho i miei dubbi.
Anche se, come al solito, quasi tutti i regali di Natale mi sono utili, si potrebbe anche farne a meno. Credo che proprio questa sia l’essenza del consumismo, no?
Comunque: Immagine di La guerra che non si può vincere Immagine di Non capisco il mondo arabo Immagine di Zazie nel metró

Inoltre: un ombrello portatileombrello.jpg e un asciugamano in microfibra.asciugamano.jpg

Etiquetas:
20 diciembre 2007

Canzone delle 19

Chi parla dell’amore? Io ho freddo
e voglio essere dicembre.

Voglio arrivare a un bosco appena sensitivo,
fino alla macchinaria del cuore senza credito.
Voglio essere dicembre.

Dormire
nella notte senza vita,
nella vita senza sogni,
nei tranquillizzati sogni che sboccano
nel fiume dell’oblio.

Ci sono città che sono fotografie
notturne di città.
Voglio essere dicembre.

Per vivere al nord di un amore successo,
sotto il bacio senza labbra di ormai molto tempo fa,
voglio essere dicembre.

Come il cadavere bianco dei fiumi,
Come i minerali dell’inverno,
voglio essere dicembre.

È così: a qualcuno capita di essere poeta. Luis García Montero.

13 diciembre 2007

MiOblio

Storiacce.

Terry Pratchett è malato di… di… com’è che si chiama… ah, Alzheimer.

29 julio 2007

Queste Oscure Materie

Come funzionerà la vista supersonica di Superman? I miei occhi leggono veloce, ma il cervello non elabora gli input e allora devo tornare indietro e rileggere. Un’eternità…

18 julio 2007

Er personaggio de Eri Potta

Nun è cche vojo che muoia…

Ma questi bambinetti cosa mangiano?

Etiquetas:
18 julio 2007

International Standard Book Number

Per gli amici, ISBN.
Tengo millones de libros de antes del año 1970. No tienen ni sombra de isbn.
Tengo millones de libros de después del año 1970.
No tienen ni sombra de isbn.
Tengo algunos
libros de después del año 1970. Algunos de ellos tienen isbn.

aNobii è una gran cosa.

MODIFICA: Lo so che non c’entra niente, ma… voglio la barbie di Noè!
Lo so che non c’entra niente, ma… alla faccia degli stati laici!